INCONTRO DI SPIRITUALITA’ DI DICEMBRE

La Fraternità Missionaria di Vicomero vi invita DOMENICA 11 DICEMBRE per il consueto appuntamento mensile. Guiderà la riflessione dal titolo “La missione dono di Dio per tutti i popolip. Giuseppe Veniero, missionario saveriano di Parma.

Ci avviciniamo al Santo Natale, siamo in cammino…

SCARICA IL FOGLIETTO Incontro di spiritualità di dicembre (131 download)

LA MISSIONE

La missione nasce dal cuore di Gesù stesso. Egli è il raggio di luce, dono del Padre, che scaturisce dal suo Spirito-Amore. Gesù muore donandosi sulla croce e rinasce Chiesa, prolungando in qualche modo, il dono della sua incarnazione attraverso i suoi discepoli. Allontanandosi da loro, dopo averli confermati con le varie apparizioni attraverso la sua nuova presenza di Risorto, disse loro : “Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni fino alla fine del mondo” (Mt 28, 19-20).

Oggi molti si interrogano: qual è il senso della missione, se Dio opera in tutti i suoi figli e suscita correnti religiose che manifestano segni della sua presenza?

E’ indubbio, c’è uno sviluppo del dogma della salvezza, confermato dal Concilio Vaticano II. “Verrà lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera”.

nativityLa Risurrezione oggi è vista dalla Chiesa come quella forza divina, di salvezza e di vita, che raggiunge tutta la tessitura dell’umano, in cui è così avviato un processo di intima vitalizzazione. “Modo Deo cognito” – nel modo che solo Dio conosce” (GS 22).

La visione compiuta di ciò che viene operato da Dio a favore dell’uomo appartiene solo a Dio. Siamo chiamati dal magistero di papa Francesco a vivere tutti la gioia del Vangelo, aperti a una pastorale più espansiva e in costante atteggiamento di “uscita”. E’ la chiamata del Vangelo, e riguarda ogni battezzato nei confronti di ogni uomo e donna.

E’ bello per i missionari ad gentes ricordare come sia chiesto di “ascoltare la voce dello Spirito che li chiama ad andare verso le grandi periferie della missione, tra le genti cui non è ancora arrivato il Vangelo (…) per queste persone, l’annuncio di Cristo, nelle molteplici periferie del mondo, diventa il modo di vivere la sequela di Lui e ricompensa tante fatiche e privazioni… non lasciatevi rubare il sogno di una missione vera, di una sequela di Gesù che implichi il dono totale di sé” GMM 2015, Papa Francesco.

 

PRESENZA FEMMINILE NEL MONDO MISSIONARIO

famiglia-in-missione

Con chiarezza papa Francesco ripete e aggiunge (nel messaggio GMM 2016):

“segno eloquente dell’amore materno di Dio è una considerevole e crescente presenza femminile nel mondo missionario, accanto a quello maschile.

Le donne, laiche o consacrate, e oggi anche non poche famiglie, vivono la loro vocazione missionaria in svariate forme: dall’annuncio diretto del Vangelo al servizio caritativo.

Accanto all’opera evangelizzatrice e sacramentale dei missionari, le donne e le famiglie comprendono spesso e in modo più adeguato i problemi della gente e sanno affrontarli in modo opportuno e talvolta inedito: nel prendersi cura della vita, con una spiccata attenzione alle persone più che alle strutture e mettendo in atto ogni risorsa umana e spirituale, nel costruire armonia, relazioni, pace, solidarietà, dialogo.

Per consolidare la necessità della missione ad gentes – papa Francesco così si esprime: “ogni popolo e cultura ha il diritto di ricevere il messaggio di salvezza che è dono di Dio per tutti… non chiudiamo il cuore alle nostre preoccupazioni particolari, ma allarghiamolo agli orizzonti di tutta l’umanità”.

 

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail